COME USARE LA LUCE :CONSIGLI

VOTA!

 

la luce è la spina dorsale della fotografia. Senza luce, non ci sarebbero le fotografie, questo bisogna ammetterlo. Dopo tutto, la parola foto significa luce. Tuttavia, quale tipo di illuminazione è la migliore: naturale o artificiale? In questo articolo vedremo in special modo quella naturale.

Gli argomenti a favore della luce naturale sono molti, il che significa che non è difficile capire perché è così “attraente” per molti fotografi.

I Vantaggi della Luce naturale

La luce naturale in effetti non costa nulla, è a nostra disposizione sempre, anche se ci sono molti gadget e accessori disponibili, come riflettori e diffusori, che aiutano a massimizzare i risultati,  anche senza di questi è abbastanza facile ottenere risultati usando solo la luce naturale, senza spendere soldi.

Imparare a vedere, gestire e utilizzare la luce, sia essa naturale o artificiale, è il banco di prova più critico da imparare per un fotografo. Fortunatamente, questi si suddividono in molte abilità individuali che possono essere apprese una alla volta. In termini di luce naturale, molte di queste abilità sono abbastanza semplici da assimilare se qualcuno ti dice come fare. Sarà mia premura fare il possibile per trasmetterti tutte le mie conoscenze apprese in anni di studi.

Un’altra cosa da tenere a mente è che le fotocamere sono progettate per essere utilizzate prima con la luce naturale. Quindi, un fotografo alle prime armi inizierà proprio attraverso le basi tecniche della fotocamera, come la misurazione, l’apertura e la velocità dell’otturatore. Infatti se sei in questa fase stai quasi certamente imparando con la luce naturale, per migliorare così sia la tua capacità di ripresa che di illuminazione simultaneamente.

Gli aspetti negativi della luce naturale

imprevedibilità: La luce naturale non è sempre la stessa

Mentre il sole è quasi costante durante le ore diurne, la disponibilità di luce è un fattore che deve essere preso in considerazione. Nuvole e altre condizioni meteorologiche sono solo un paio di esempi che alterano le qualità specifiche della luce con cui stai provando a lavorare.

Morbidezza, intensità e colore possono cambiare in una frazione di secondo al capriccio di madre natura.

Siamo abituati a ragionare da tecnici, quando si parla di luci: una luce è quella, e non c’è niente da fare. Se ho un faretto con una certa potenza e una certa temperatura colore, resterà sempre così.

Quando invece parliamo di luce naturale ci troviamo di fronte a qualcosa di diverso e spesso imprevedibile. Quando ci si trova ad avere a che fare con la luce naturale bisogna saperla osservare e cogliere il momento. Il sole è una fonte di luce molto potente che cambia posizione nel corso della giornata:questo fa sì che in base all’altezza sull’orizzonte abbiamo angolazioni diverse delle luci e delle ombre può essere diffusa dalle nubi: e quindi diventare più o meno dura in base alle condizioni atmosferiche. Se ci troviamo sulla neve avremo una luce di un tipo, in mare di un altro, su un prato di un altro ancora.

Questi problemi ambientali però possono spesso essere risolti in vari modi. Uno di questi è trovare una postazione per fotografare all’interno e utilizzando la luce della finestra.  Oppure avendo una buona conoscenza delle condizioni in cui ci troviamo ad operare e una serie di trucchi nella borsa degli attrezzi della nostra testa, possiamo ottenere buoni risultati quasi sempre.

I consigli che ti elenco qui sotto naturalmente sono generali e puoi applicarli a seconda degli scopi che vuoi raggiungere. Diciamo per esempio che vuoi fotografare un ritratto con una buona luce naturale. Come dobbiamo muoverci per ottenere un buon risultato. Vediamo innanzitutto che attrezzatura ci serve.

Quale obiettivo usare?

Se si utilizza un obiettivo lungo (teleobiettivo), un’apertura grande non è così importante perché si avrà automaticamente una buona sfocatura dello sfondo. Le lenti lunghe sono le migliori per i ritratti perché comprimono molto bene il soggetto sullo sfondo. Evita gli obiettivi grandangolari perché distorcono il volto del soggetto e amplificano funzioni come il naso o la fronte. Prova a utilizzare obiettivi con una lunghezza focale minima di 50 mm con un sensore full frame e 35 mm con un sensore potato APS.

ISO
Per gli ISO, scegli l’opzione più bassa possibile tenendo presente che la velocità dell’otturatore deve essere 1/100 di secondo o superiore. Usando l’esposimetro della tua fotocamera, puoi ottenere una velocità dell’otturatore elevata regolando la sensibilità ISO se le condizioni di luce sono basse. Ma, sapendo che userai un’apertura più grande, non dovrebbe essere un grosso problema.

Velocità dell’otturatore
È necessario un tempo di posa minimo di circa 1/100 di secondo (o più veloce). Questo è molto importante perchè ti aiuta a evitare le immagini sfocate in quanto il tuo modello sarà in costante movimento per la maggior parte del tempo.

Apertura e sfocatura dello sfondo
Per ottenere una sfocatura dello sfondo l’ideale è utilizzare l’apertura più ampia possibile – attorno a f / 4 funziona, ma anche un f / 1.8 non è da scartare. Se si desidera un’apertura maggiore di f / 1.8, gli obiettivi possono diventare piuttosto cari .

Se non si dispone di questo tipo di obiettivo, è comunque possibile ottenere risultati ottimali, ma è necessaria più separazione (spazio) tra il modello e lo sfondo. Questo aiuta davvero a trascinare l’attenzione dello spettatore sul soggetto ed evitare distrazioni inutili. Se vuoi mostrare lo sfondo dietro al tuo modello, usa un’apertura più corta.

Possiamo dire che in generale, il problema più grosso che avremo sarà quello di evitare ombre fastidiose: vogliamo che il viso del nostro soggetto o gli oggetti che riprendiamo risultino ben illuminati e che non si creino ombre strane sui volti.

Consiglio: usa la Modalità Priorità apertura

Un consiglio che posso dare è usare la modalità Priorità apertura se sei un fotografo che sta iniziando. Durante una ripresa all’aperto, la luce cambierà frequentemente e sarà necessario regolare le impostazioni indipendentemente dal fatto che si tratti della velocità dell’otturatore o dell’ISO (di solito non regola mai l’apertura).

Quando si eseguono ritratti, si inizia a scattare molto rapidamente e con la modalità manuale è necessario modificare costantemente le impostazioni. La probabilità di perdere molte buone foto perché hai dimenticato di regolare le tue impostazioni è molto alta. È molto frustrante quando si ottiene la posa perfetta solo per rendersi conto che l’immagine è troppo scura o troppo luminosa perché le impostazioni erano sbagliate.

Altri consigli

Se pensi che la giornata sia troppo soleggiata e che quindi ci sia la  possibilità di incappare in ombre troppo marcate allora hai due scelte;

1a optare per le nuvole
Un cielo nuvoloso va sempre bene: muove lo sfondo con la presenza dell’azzurro e del bianco, e se è coperto avrai un softbox naturale gigantesco. Perfetto per evitare le ombre sotto gli occhi. Oppure posiziona il tuo soggetto all’ombra di qualche edificio.

2a usa un Pannello riflettente o diffusore

Porta sempre con te un pannello multiuso con varie superfici riflettenti. Può funzionare anche da softbox. Non è ingombrante e ha le dimensioni giuste per essere facilmente trasportabile e in più non costa molto. L’idea di fondo è quella di usare tutte le superfici possibili per far rimbalzare le luci ed evitare così i contrasti eccessivi. Anche se l’utilizzo di un riflettore argento ti darà la luce più notevole, puoi aggiungere calore al ritratto utilizzandone uno dorato, che si tradurrà in una luce dorata.

Attenzione alle ombre
Non “bruciare” lo sfondo. Se c’è una grossa differenza di esposizione tra sfondo e primo piano, con ad esempio il primo più chiaro, potresti avere parecchie difficoltà a salvare le cose in postproduzione. E i risultati potrebbero non essere quelli sperati.

 

Usa i file RAW 
Io ti consiglio di riprendere in RAW e sottoesporre le immagini in leggero movimento utilizzando la compensazione dell’esposizione.

Questo è molto importante perché a volte potresti accidentalmente esporre per le ombre e questo automaticamente sovraesporrà le tue immagini. Il problema è che perderai tutte le informazioni a livello di tono della pelle del tuo modello e se quelle aree bruciate potrebbero non essere in grado di recuperare i dettagli.

Un file RAW riduce anche la probabilità di perdere qualsiasi informazione nella tua immagine perché hai un margine di recupero maggiore. Dal momento che stai sotto-esponendo leggermente le tue immagini, sarai in grado di correggere l’esposizione più tardi in fase di post-produzione. È un po “tecnico” come consiglio ma questo è il modo migliore per avere tutte le informazioni necessarie nella tua immagine, i pixel bruciati sono il peggior nemico che un fotografo possa avere.

Un’altra soluzione è quella di attivare l’avviso di evidenziazione per la tua fotocamera (la maggior parte delle fotocamere entry level ha questa impostazione) e ogni volta che si scatta un’immagine, i pixel bruciati (aree di evidenziazione tagliate) verranno visualizzati in rosso (o lampeggianti). Questo è molto utile perché ogni volta che vedi questo significa che non ci sono informazioni in quell’area, è solo un punto di bianco puro che non è recuperabile.

Spero che ti siano d’aiuto nell’utilizzo della luce naturale nei tuoi scatti.

Buona luce a tutti